Per le domande:
Visitaci: Sremskih Boraca 2E, Beograd, Zemun - Srbija

Impianti Antabuse per il trattamento dell’alcolismo

Medico in laboratorio.

9 Dicembre, 2020

La dipendenza da alcol è una malattia che distrugge la vita di milioni di persone in tutto il mondo. Non solo colpisce la persona che consuma alcol, ma possiede anche un effetto negativo sulle famiglie e sulla società nel suo complesso. Fortunatamente, l’alcolismo può essere curato attraverso l’implementazione di moderne procedure mediche. Tuttavia, questo richiede la collaborazione dei tossicodipendenti e dei medici, così come coloro che sono più vicini alla persona che lotta contro la dipendenza.

In questo articolo daremo un’occhiata agli impianti Antabuse, una procedura che è una parte vitale del trattamento per la dipendenza da alcol. Sarete in grado di imparare cosa sono gli impianti Antabuse, come funzionano, quanto sono sicuri e perché sono così benefici nel trattamento dell’alcolismo.

Cosa sono gli impianti Antabuse e come funzionano?

Scoperto per la prima volta negli anni ’30, il Disulfiram è una sostanza che viene utilizzata per il trattamento della dipendenza da alcol da quasi un secolo. Anche se questa forma di farmaco non è una novità, rimane, ancora oggi, una delle sostanze più efficaci per la prevenzione dell’alcolismo. Antabuse funziona impedendo la normale lavorazione dell’etanolo nell’apparato digerente. Si verifica invece un accumulo di acetaldeide, una sostanza pericolosa, che provoca nausea, battito cardiaco accelerato e molti altri sintomi spiacevoli che dovrebbero gravemente scoraggiare un paziente dal consumare alcol.

 

Inizialmente, Antabuse, o Disulfiram, come è anche noto, era disponibile solo in forma di pillola. Questo farmaco è una delle più antiche forme di terapia approvate dalla FDA che funziona per il trattamento dell’alcolismo. Mentre le pillole erano efficaci, l’effettiva applicazione della terapia si è rivelata piuttosto impegnativa: i pazienti a volte non prendevano le pillole di proposito e tornavano a consumare alcolici.

La svolta è avvenuta negli anni ’60, quando sono stati creati i primi impianti Antabuse. Dopo quel momento fu garantito il costante rilascio di sostanze nel flusso sanguigno. Questo rendeva impossibile il ritorno all’alcol, senza alcuna conseguenza

La cosa più importante è che gli impianti forniscono un periodo durante il quale la persona è completamente protetta dagli effetti dell’alcol. In quel periodo, l’individuo ha la possibilità di risolvere qualsiasi problema fisico e mentale che potrebbe causare il desiderio di ritornare ad abitudini distruttive. Per questo motivo gli impianti Antabuse sono considerati un ulteriore livello di protezione durante il difficile periodo di risocializzazione al termine del trattamento.

 

Quanti tipi di impianti esistono?

Esistono due tipi di impianti oggi in uso. Pur lavorando su principi simili, sono fondamentalmente diversi. Vediamoli più nel dettaglio:

Impianti Disulfiram 

Al momento del consumo, l’alcol viene scomposto e neutralizzato nel fegato. Tuttavia, quando una persona si fa iniettare un impianto di Disulfiram, questo processo viene interrotto. Come risultato, un accumulo di acetaldeide si verifica quando l’alcol viene consumato, con il risultato immediato di sintomi che imitano quelli di una sbornia. Oltre a nausea, forti mal di testa, iperventilazione e vertigini, possono verificarsi molti altri sintomi.

La procedura di inserimento è semplice e non lascia cicatrici, né richiede punti di sutura in seguito. Poiché l’impianto Disulfiram blocca efficacemente il consumo di alcol da parte di una persona, le dà abbastanza tempo per ritrovare la forza interiore e continuare il recupero.

Impianti di naltrexone

Questa forma di impianto è stata inventata dopo Disulfiram. Le pillole sono arrivate nel 1984 e gli impianti sono apparsi per la prima volta nel 2006. Da allora gli impianti di naltrexone sono stati utilizzati per il trattamento della dipendenza da alcol. L’impianto funziona bloccando i recettori nel cervello. 

Prima della terapia con naltrexone, i pazienti devono sottoporsi a una procedura di disintossicazione completa, che rimuove tutte le tracce di alcol dall’organismo. Se la disintossicazione viene eseguita correttamente, i pazienti avvertiranno sintomi negativi, come nausea e vomito, immediatamente dopo aver ricevuto l’impianto.

Successivamente, i pazienti sentono una riduzione del desiderio di consumare alcolici. In questo modo il naltrexone li aiuta durante il processo di riabilitazione, mentre si stanno ancora abituando alla vita senza alcol.

Naturalmente, la terapia con l’impianto di naltrexone può essere eseguita solo in strutture mediche e sotto la stretta supervisione di medici che si assicureranno che tutto funzioni correttamente, secondo il protocollo di trattamento.

 

Un impianto per l’alcolismo può curare la dipendenza da solo?

Gli impianti Antabuse giocano un ruolo vitale nel rompere l’abitudine di bere e nell’utilizzare il consumo di alcol come meccanismo di superamento dello stress quotidiano. Una volta che l’individuo smette del tutto di abusare dell’alcol, si sente motivato a trovare modi più sani per affrontare i propri problemi. Tuttavia, anche se gli impianti sono estremamente efficaci a loro modo, non eliminano la dipendenza fisica e psicologica dall’alcol.

Un alcolista che riceve un impianto di antabuse.

 

Affinché ciò accada, una persona deve sottoporsi a un programma completo di trattamento delle dipendenze progettato per prevenire una volta per tutte gli stimoli al consumo di alcolici. Gli esperti sanitari devono tenere conto dello stato fisico e mentale del paziente, prescrivere i farmaci necessari per rimuovere tutti i segni di sintomi di astinenza e affrontare eventuali problemi psicologici esistenti che fungono da barriera, impedendo una completa guarigione.

Ricevi aiuto per risolvere la tua dipendenza da alcol, e ricevi un Impianto Antabuse che ti aiuterà a mantenere il giusto cammino per riportare la tua vita ad essere sana >>>

Quanto è sicura questa forma di terapia?

La procedura di inserimento di un impianto sotto la pelle è completamente indolore e i risultati si notano immediatamente. L’intero processo è molto semplice ed è considerato una procedura ben tollerata da parte di chi se ne è sottoposto. Dopo aver ricevuto l’impianto, la persona sarà protetta dagli effetti dell’alcol. Ciò è dovuto al fatto che una precisa dose di farmaco viene automaticamente rilasciata dall’impianto nel flusso sanguigno ogni giorno per un mese al massimo, seguendo la procedura.

 

Medico in laboratorio.

L’impianto può essere iniettato sotto la pelle, di solito nella zona dello stomaco. Tuttavia, gli impianti possono essere inseriti anche in altre aree, come l’avambraccio o i glutei.

Per quanto riguarda la sicurezza, questa procedura è stata eseguita con successo per molti anni e si è dimostrata molto affidabile.

Quali sono i possibili effetti collaterali?

Il Disulfiram e l’alcol sono una combinazione pericolosa insieme poiché il Disulfiram è un potente e specifico antagonista dell’alcol. Anche se ci sono molti effetti collaterali che possono verificarsi, e si verificheranno se queste due sostanze venissero miscelate, alcune persone potrebbero comunque tentare di farlo. Se ciò accade, l’organismo ne risentirà fortemente, generando sintomi che imitano quelli di una sbornia, ma di solito molto più drastici.

Le persone che si fanno impiantare l’Antabuse e provano a consumare alcolici potrebbero manifestare alcuni dei seguenti sintomi:

  • Nausea
  • Battito cardiaco rapido e irregolare
  • Improvviso calo di pressione sanguigna
  • Gravi mal di testa
  • Respiro corto
  • Sudorazione intensa
  • Iperventilazione
  • Vomito

Questi sintomi possono essere più o meno pronunciati, a seconda della quantità di alcol consumato e della forza individuale. Comunque, in ogni caso, il consumo di alcolici sotto l’influenza dell’impianto Antabuse è severamente vietato, poiché comporta una pletora di complicazioni. Proprio per questo motivo gli impianti sono considerati così efficaci, in quanto gli intensi effetti negativi fanno sì che gli ex tossicodipendenti creino una forte repulsione verso l’alcol.

Perché gli impianti Antabuse rappresentano una buona occasione per tornare ad una vita senza alcol

A seguito di un piano di successo per il trattamento dell’alcolismo , che comprende una completa disintossicazione, la psicoterapia e l’applicazione di farmaci adeguati, il prossimo passo logico è l’impianto Antabuse che fornirà un ulteriore livello di supporto alla persona nel processo di riabilitazione. In questo modo, i pazienti hanno la possibilità di rifiutare l’alcol una volta per tutte e di tornare alla vita di tutti i giorni con un basso rischio di ricaduta.

Presso la nostra clinica, offriamo due piani per il trattamento della dipendenza da alcol, che includono l’implementazione di impianti Antabuse.

Procedura di 7 giorni per il trattamento dell’alcolismo

Nel nostro trattamento per l’alcolismo, un impianto Antabuse è parte integrante del raggiungimento dell’avversione all’alcol. Tuttavia, gli impianti da soli non sono sufficienti per raggiungere il successo nella lotta contro l’alcolismo. Per questo, i pazienti devono sottoporsi all’intero trattamento, che comprende la disintossicazione, il recupero fisico, la psico-stabilizzazione e altre procedure.

Durante i 7 giorni di trattamento, i pazienti lavorano per raggiungere il recupero fisico e mentale, che permetterà loro di tornare alla vita quotidiana senza sentire il bisogno di consumare alcolici.

Procedura di 10 giorni per il trattamento dell’alcolismo

Il trattamento completo di 10 giorni per la dipendenza da alcol comprende terapie e procedure aggiuntive che portano ad un recupero più profondo dell’intero individuo, migliorando il suo stato mentale e fisico. Questo programma dà ai pazienti più tempo per adattarsi alla vita senza alcol, rafforzando al tempo stesso la loro dedizione a perseguire uno stile di vita più sano.

Dopo un trattamento completo di 10 giorni, i pazienti lasciano la nostra clinica desiderosi di recuperare tutto il tempo perduto durante le loro lotte contro l’alcolismo.

Contattaci per sapere come unirti  a migliaia di altri che sono stati in grado di sconfiggere la dipendenza dall’alcol >>>

Pubblicato il 9 Dicembre, 2020
Dal team della Clinica Dr Vorobjev

Reti sociali
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiamate subito (WhatsApp)
Call Now Button