Per le domande:
Visitaci: Sremskih Boraca 2E, Beograd, Zemun - Srbija
razmak dr vorobjev

8 Dicembre, 2020

A differenza delle dipendenze da droghe ricreative, la dipendenza da farmaci può derivare da un uso legittimo. Alcune persone abusano delle benzodiazepine a scopo ricreativo; tuttavia, un gran numero di persone le utilizza per curare i disturbi della salute. Esistono molte condizioni mediche e psichiatriche che richiedono l’uso di benzodiazepine.

In casi come questi, è triste vedere una vita andare in pezzi a causa della dipendenza da farmaci legittimi. Anche dopo che la condizione per cui erano state prescritta si è risolta, alcune persone troveranno difficile interrompere l’uso delle benzodiazepine. Quando lo fanno, i sintomi dell’astinenza da benzodiazepine si manifestano, e spingono ad alimentare la loro dipendenza.

Prendere la decisione di smettere di abusare delle benzodiazepine è particolarmente difficile, ma coraggiosa. Il processo di disintossicazione da benzodiazepine può richiedere un po’ di tempo, ma vale la pena farlo per tornare a vivere normalmente.

I programmi di disintossicazione di terapia da benzodiazepine sono importanti per curarne la dipendenza. Sono creati per le persone che si sono trovate dipendenti dalle benzodiazepine. Se volete capire come funzionano questi programmi e saperne di più sulla dipendenza e sul trattamento, questo articolo vi illuminerà.

Cosa sono l’astinenza da benzodiazepine e la disintossicazione?

Per capire come funzionano questi programmi, è essenziale conoscere le basi. Sapere cos’è l’astinenza da benzodiazepine e cosa comporta la disintossicazione è importante. 

Cos’è l’astinenza da benzodiazepine?

L’uso consistente delle benzodiazepine, indipendentemente dal motivo, farà sì che l’organismo cominci ad adattarsi ad esse. Ci sono alcune sostanze nel cervello, note come neurotrasmettitori, che saranno prodotti in quantità minore a causa della continua presenza di benzodiazepine. Quando l’assunzione viene improvvisamente interrotta, tali sostanze rimangono ai loro livelli minimi.  Non sono in grado di aumentare abbastanza rapidamente. Questo è ciò che causa i sintomi dell’astinenza.

I sintomi dell’astinenza sono molto fastidiosi e possono essere angoscianti. Alla fine scompaiono una volta che il livello delle sostanze affette torna alla normalità. Questo però richiede tempo. La gravità dei sintomi dell’astinenza dipende dal dosaggio che un tossicodipendente utilizza costantemente e da quanto tempo abusa di una droga.

Che cos’è la disintossicazione da benzodiazepine?

Il corpo ha bisogno del suo tempo per liberarsi del farmaco, in questo caso le benzodiazepine, e riportare i neurotrasmettitori ai loro livelli normali. Durante questo periodo, il paziente soffrirà di sintomi da astinenza. Non c’è modo di accelerare tale fase. 

Per fortuna, questo periodo può essere reso gestibile attraverso il trattamento dell’astinenza da benzodiazepine noto come disintossicazione. Si tratta di un periodo in cui il paziente viene ricoverato in una struttura e curato da un’équipe di operatori sanitari. Ai pazienti, verranno somministrati dei farmaci per rendere gestibili i sintomi dell’astinenza e per garantire il loro comfort. La psicoterapia sarà impiegata per affrontare i problemi psicologici che la dipendenza può causare al paziente.

Un medico parla con una tossicodipendente da benzodiazepine con sintomi di astinenza che si è iscritta ad un programma di disintossicazione.

Quali sono i sintomi e i segni dell’astinenza da benzodiazepine?

In una persona che presenta sintomi di astinenza da benzodiazepine si verificano certi segni e sintomi. Questi hanno a che fare con il neurotrasmettitore che il farmaco colpisce. Si tratta di una sostanza chimica nota come GABA.

Il GABA possiede attività inibitoria, ed è responsabile del rallentamento dei processi nel sistema nervoso. Le benzodiazepine agiscono per moltiplicare l’effetto del GABA nel corpo, facendo in modo che rallenti maggiormente l’attività del sistema nervoso. Il corpo è complesso e ha modi per mantenere le sostanze chimiche importanti a livelli adeguati. Il corpo riconosce che l’inibizione è maggiore rispetto al normale, causando una produzione minore di GABA per normalizzarlo.

Quando una persona il cui corpo si è abituato a produrre livelli più bassi di GABA interrompe improvvisamente le benzodiazepine, il corpo non è in grado di regolarne i livelli istantaneamente. Ciò significa che l’inibizione che questi bassi livelli di GABA producono è insufficiente. Questo spiega i sintomi che si presentano, che sono più eccitanti, in quanto il GABA non è in circolo per rallentare l’attività cerebrale. Senza una quantità sufficiente di GABA, che inibisce l’attività del sistema nervoso, è come se i freni di un’auto fossero stati rimossi. Il sistema nervoso tende ad essere più “eccitato” in quanto non è in grado di rallentare bene.

I sintomi di astinenza da benzodiazepine si presentano in tre fasi. Si tratta delle fasi di astinenza iniziale, acuta e prolungata (o post-acuta). Come si senta una persona in astinenza da benzodiazepine, dipende dalla fase in cui si trova.

La fase iniziale può iniziare dopo poche ore di sospensione del farmaco e dura fino a circa 3-5 giorni. Da lì inizia la fase acuta, che è il periodo di astinenza più difficile. I sintomi sono intensi e duraturi. La fase acuta può durare, in alcuni casi, fino a qualche mese. La fase prolungata si estende da questo punto. Si tratta di sintomi psicologici e cognitivi che richiedono una gestione a lungo termine. I sintomi tendono a manifestarsi a intervalli di tempo durante questo periodo. Tale fase può durare fino a un anno, o più.

  Fase iniziale Fase acuta Fase prolungata
Caratteristiche cliniche 
  • Ansia
  • Insonnia
  • Se inizialmente prescritto, ritorno dei sintomi per i quali era stato prescritto
  • Ansia
  • Attacchi di panico
  • Insonnia
  • Allucinazioni
  • Sensazione di insetti che strisciano sulla pelle
  • Spasmi e spasmi muscolari
  • Ipersensibilità sensoriale (luci, suoni, ecc. Aumenta la percezione di tali sensi)
  • Ansia
  • Insonnia
  • Depressione
  • Indebolimento cognitivo
  • Spasmi muscolari, spasmi, tremori
  • Diarrea
  • Costipazione
  • Dolore addominale
  • Tinnito
  • Indebolimento
  • Formicolio

 

Scopri come ottenere aiuto per il tuo caso di dipendenza da benzodiazepine>>>

Quali sono gli effetti collaterali dell’uso di benzodiazepine?

Se si assume una dose sufficientemente grande, o se si assume per un periodo di tempo più lungo di quello prescritto, la maggior parte dei farmaci hanno effetti collaterali, che possono andare dagli effetti collaterali lievi a quelli molto gravi. Le benzodiazepine non sono diverse a questo proposito. L’abuso di benzo a lungo termine, se non viene controllato, può causare alcuni gravi effetti collaterali, tra cui:

  • Amnesia
  • Danno cognitivo: scarsa concentrazione, problemi di apprendimento e processo decisionale
  • Insonnia/qualità del sonno ridotta
  • Psicosi
  • Depressione
  • Disinibizione
  • Disturbi della percezione: illusioni, allucinazioni
  • Funzione immunitaria ridotta
  • Aumento del rischio di autolesionismo e di suicidio
  • Danni cerebrali
  • Convulsioni
Un'infografica che mostra la durata dell’astinenza. Sono inclusi alcuni sintomi per ogni fase.

Quanto dura il processo di disintossicazione?

Il processo di disintossicazione da benzodiazepine e la durata dell’astinenza dipendono da una serie di diversi fattori. I più importanti sono la durata dell’abuso di benzodiazepine da parte del paziente, e il dosaggio. In genere, la disintossicazione da benzo richiede circa 14 giorni, anche se questo fattore è soggetto a variazione.

Il processo di disintossicazione comprende tre fasi, che sono le seguenti:

Valutazione: 

La prima fase, come suggerisce il nome, consiste nel valutare il paziente all’arrivo in clinica. Il paziente sarà sottoposto a screening per la ricerca di farmaci, non solo per quello per cui sta cercando di disintossicarsi, ma anche per altri. I livelli di queste sostanze saranno determinati in base a questi test di laboratorio. Inoltre, i pazienti saranno valutati per eventuali condizioni di salute fisica e malattie mentali coesistenti. Tutto questo è importante per poter adattare perfettamente la terapia ad ogni paziente.

Stabilizzazione:

Questa è la fase più lunga rispetto alle altre. È quella in cui avviene il processo di disintossicazione vero e proprio. Al paziente verranno comunque sottoposti dei farmaci, per rendere il processo più confortevole e per alleviare i sintomi dell’astinenza. Questa può essere la fase più difficile, ma le sedute di gruppo e altre terapie renderanno il tutto più tranquillo. I familiari e gli amici possono occasionalmente visitare il paziente per sostenerlo durante la terapia.

Guida del paziente al trattamento:

La fase finale consiste nel preparare il paziente al trattamento dopo la disintossicazione. La dipendenza richiede un tempo molto lungo affinché venga completamente trattata. La dipendenza fisica può diminuire in una certa misura, ma gli effetti psicologici e sociali tendono a persistere. Di conseguenza, saranno da effettuarsi visite di controllo per garantire che il paziente si comporti bene e prosegua questo suo percorso. Il paziente deve essere consapevole di tutto ciò e pronto a collaborare per ottenere i migliori risultati.

Qual è il trattamento dopo la disintossicazione?

La disintossicazione mira principalmente a curare i sintomi fisici che la dipendenza comporta. Questo può essere un momento difficile per il paziente, e dopo aver superato la disintossicazione, non è ancora finita. I sintomi psicologici che la disintossicazione presenta tendono a durare più a lungo di quelli fisici. Il processo di trattamento che viene dopo la disintossicazione mira ad affrontare tali sintomi.

Un operatore sanitario discute con un benzodipendente in fase di recupero. Sorride e se la cava bene durante il programma di trattamento della dipendenza.

Un programma di trattamento della dipendenza da benzodiazepine aiuta a gestire gli aspetti psicologici e sociali. In questa fase è molto importante pianificare la riabilitazione e la risocializzazione. L’obiettivo finale è quello di riportare il paziente ad una vita normale, come quella che aveva prima della sua dipendenza. 

Come iniziare la disintossicazione da benzodiazepine.

Potresti essere tu, o potrebbe essere un parente o una persona cara che sta lottando con una dipendenza da benzodiazepine. Non importa quali siano i dettagli, c’è sempre un aiuto che può essere trovato. Il trattamento di astinenza da benzodiazepine è essenziale per stare meglio. Non importa quanto sembri grave una situazione di dipendenza, c’è sempre speranza di ritrovare la strada per una vita normale. Se volete fare i primi passi sulla via della guarigione, noi possiamo aiutarvi.

Contatta il nostro team medico per scoprire come iniziare il tuo programma di disintossicazione >>>

Pubblicato il 8 Dicembre, 2020

Dal team della Clinica Dr Vorobjev

Condividi questo articolo:
Chiamate subito (WhatsApp)
Call Now Button